Fughe di gas

Gas

Dopo l’indizione del referendum dell’estate 2013 promosso dall’Amministrazione Zanon  che chiedeva se era  opportuno arrivare  ad una transazione con EON Gas o attendere  il giudizio del  tribunale, dopo le discussioni in Consiglio Comunale ed il mandato al Sindaco da parte della maggioranza di trattare con ENEL RETE GAS (subentrata nel frattempo a EON ), ai primi di novembre 2013 Enel Rete Gas proponeva al Comune, per concludere la sentenza un uteriore complessivo esborso di 1.100.000€  più IVA. L’Amministrazione rispondeva con una cifra inferiore, dopo di che ci fu una lunga pausa “riflessiva” durata fin dopo le elezioni amministrative 2014. A fine aprile 2014 il perito incaricato dal tribunale depositò la sua seconda perizia, indicando come valore della rete gas 3.895.582€ (di questi 1.600.000€ sono già stati pagati, perché era  la prima valutazione effettuata dal consulente del Comune). Ricordiamo che EON in prima fase ne chiedeva ben  5.400.000€.
A settembre 2014 il Comune riprende la trattativa, sembra che si giunga all’accordo, ma improvvisamente a metà novembre Enel Rete  Gas non intende più accettare la transazione concordata per 1.100.000€ .
Parallelamente il Comune ha accantonato una parte dell’anticipo della transazione, ipotizzata in 485.000€, così da non avere ripercussioni sul patto di stabilità. Infatti nell’ipotesi di andare a sentenza (data presunta metà 2016 ) la cifra a carico del Comune definita dal giudice dovrà essere pagata in tempi brevi. Pertanto si valuta l’idea di dare comunque un anticipo .
A fronte di tale scenario, cercando di limitare i danni per i cittadini e quindi l’impatto sul bilancio del Comune, i consiglieri Pesce M.,Colombi M. e Volpato M. della lista” Il Paese che Vogliamo” nel Consiglio Comunale del 29.11.2014  hanno sostenuto con la maggiorana che sia opportuno procedere con l’erogazione di un acconto. In questo modo si  potrà utilizzare il risparmio fin qui accumulato e contemporaneamente limitare l’impatto sul bilancio del 2016, in caso di sentenza sfavorevole per il Comune, perché Il Paese che Vogliamo, al di là delle diverse posizioni politiche in generale  e sullo specifico problema in particolare, ritiene che i cittadini vengano prima comunque.
II consiglieri hanno ribadito inoltre che non si può restare inattivi come Amministrazione: vanno esercitate le opportune pressioni sia verso l’azienda di ENEL Rete Gas per spingere alla transazione,  sia verso gli organi politici centrali in modo di attivare delle deroghe al patto di stabilità .

Va cercata la soluzione migliore possibile, senza sterili strumentalizzazioni politiche.

La Pulce 2.0

Eccoci tornati con questa nuova veste grafica della Pulce per raccontarvi questi primi mesi della nuova amministrazione Zanon, per permettervi, anche grazie al nostro punto di vista, di elaborare una vostra opinione sulle scelte politiche del nostro Comune.
Innanzitutto desideriamo ringraziare tutti i 1740 concittadini che il 25 maggio hanno votato per la nostra Lista civica “Il Paese Che Vogliamo”: i Vostri voti sono serviti a far eleggere ben tre  consiglieri appartenenti alla nostra Lista. Ci rappresentano in Consiglio Comunale: Mariella Pesce, Marcellino Colombi e Marina Volpato. I propositi della Lista per i prossimi cinque anni di opposizione sono stati espressi dal nostro Capogruppo Mariella Pesce nel primo Consiglio Comunale del 16 Giugno scorso, dove ha dichiarato che “la nostra opposizione sarà corretta, costruttiva, vigilante, perché correttezza amministrativa e trasparenza non siano solo slogan”, in modo che “il Sindaco e i Consiglieri si facciano portavoce dei bisogni di tutti per proporre soluzioni eque e rispettose”.
La nostra opposizione in Consiglio Comunale ovviamente è già iniziata con alcune proposte all’attuale amministrazione.
Fin dal primo Consiglio Comunale, abbiamo chiesto l’attivazione di trasmissione via web o con ripresa televisiva dei Consigli Comunali per favorire l’informazione tra la cittadinanza. Abbiamo inoltre richiesto di utilizzare la proiezione di slide sugli argomenti in discussione durante il Consiglio Comunale per rendere più partecipi e quindi più coinvolti i cittadini presenti. Richieste apparentemente accolte dato l’utilizzo di slide durante il secondo Consiglio, ma già dimenticate nel successivo.
Per quanto riguarda la trasmissione via web o televisiva siamo ancora in attesa di avere una risposta dagli assessori incaricati a verificarne la fattibilità. E stata solo consegnata ad ogni capogruppo una bozza di regolamento con l’impegno di discuterne in sede di consiglio. Durante la presentazione del Bilancio nel secondo Consiglio Comunale abbiamo proposto un cambio di tassazione per la TASI come vi riportiamo nel dettaglio nell’articolo SHHH! IMU, TASI! per una più equa ridistribuzione dell’imposta. Proposta non tenuta minimamente in considerazione. Per il futuro, come abbiamo fatto nel corso degli ultimi cinque anni, la nostra opposizione in Consiglio Comunale e la Pulce avranno il compito di controllare l’operato dell’Amministrazione e di informare i cittadini sulle nostre posizioni in merito alle scelte, alle decisioni, all’operato del Comune.
Per fare tutto questo chiediamo anche la Vostra partecipazione e quindi… Ci proponiamo per dar voce anche alle vostre opinioni: aspettiamo le vostre idee, richieste, suggerimenti per una Trebaseleghe che tutti vogliamo!

Buona lettura e buon senso critico!

La redazione

 

Resoconto campagna elettorale 2014

Come promesso in campagna elettorale e per trasparenza nei confronti dei nostri sostenitori ed elettori, riportiamo l’elenco delle spese sostenute per la campagna elettorale delle elezioni Amministrative 2014 con le relative entrate.

L’autofinanziamento ha completamente coperto le spese. Il rimanente verrà utilizzato per finanziare le prossime iniziative della lista civica e del gruppo consiliare.

LISTA “IL PAESE CHE VOGLIAMO – INSIEME SI PUO’ “
Spese per campagna elettorale Elezioni Amministrative 2014 Entrate Uscite
Autofinanziamento candidati e sostenitori  €   1,960.00
Spese per libretto, volantini, bigliettini personalizzati  €     885.60
Noleggio altoparlante  €       50.00
Spese per festa Parco Draganziolo (Scia, Siae, noleggio panchine, alimenti…..)  €     160.00
Spese per presentazione liste e brindisi finali nei vari bar del territorio  €     220.00
Spese per festa finale presso ex falegnameria Bottacin  €     200.00
Fotocopie e varie  €       15.00
Totale  €   1,960.00  €  1,530.60
Rimanenza  €     429.40

Clicca qui per scaricare il resoconto!